Vini Maixei


Tra le molte aziende che producono il Rossese DOC un posto di rilievo spetta senza dubbio alla nostra Cooperativa.

Data la frammentazione della produzione di Rossese in tante aziende di dimensioni più o meno modeste, la Cooperativa si distingue per la qualità e la quantità di vino che riesce a produrre e commercializzare.

Nata nel 1978 come sezione speciale dell’esistente Cooperativa Floricoltori Riviera dei Fiori, per iniziativa di un gruppo di piccoli e piccolissimi produttori della zona che non riuscivano più a vendere, per via dei pochi quantitativi, la loro produzione.

Dopo questo primo periodo di attività unicamente commerciale in cui la Cooperativa si occupa di vendere il vino prodotto dai suoi soci, dal 1985 essa inizia a vinificare in proprio, aumentando e rinnovando di anno in anno le attrezzature a sua disposizione.

La Cooperativa ora dispone di una moderna cantina in grado di esaltare la qualità e la sicurezza alimentare.

La cooperativa associa principalmente piccole aziende a conduzione tradizionale, che senza di essa sarebbero destinate a scomparire per le ridotte dimensioni aziendali e produttive. Spesso i soci sono anziani coltivatori che tenacemente e caparbiamente continuano a coltivare il loro amato “rossese” in strette fasce sorrette da millenari muretti a secco. I soci della Cooperativa coltivano le viti nella centenaria e tipica forma ad alberello che da sempre è garanzia di uve mature, altamente zuccherine, e profumate.

La Cooperativa svolge un fondamentale ruolo di difesa del territorio dall’abbandono e preservando le antiche tradizioni legate a questo vitigno.

Oggi tecnici preparati e al passo con i tempi e collegati alle più prestigiose Università del settore, seguono costantemente i  soci nelle corrette e appropriate tecniche di coltivazione.

Le Aziende socie sono particolarmente seguite nella concimazione quale importante fattore per ottenere uve di estrema qualità.

Ogni anno vengono introdotte nuove tecniche di lotta antiparassitaria di basso impatto ambientale, e sicurezza alimentare.

Le aziende sono seguite anche nella fase dell’importante fase di diradamento e potatura verde al fine mantenere al meglio l’equilibrio della vite in tutte le fasi fenologiche.

Infine tramite appropriate analisi si individua il periodo di migliori condizioni per poter effettuare la vendemmia.

A vino ottenuto si riuniscono i soci per esaminare insieme i risultati ottenuti e gli errori commessi per programmare l’annata successiva.

Le uve conferite dai soci vengono pagate con un criterio che tende a premiare le uve migliori sia dal punto di vista zuccherino che della sanità.

Per ulteriori informazioni vai a www.maixei.it